Print this page

Dermatiti allergiche feline: presentazioni cliniche e approccio diagnostico

Nonostante le dermatiti allergiche siano estremamente frequenti nel gatto, quello che si conosce sulla loro patogenesi nella specie felina è ancora molto poco. Quelle di maggior interesse sono la dermatite da ipersensibilità alla puntura delle zanzare, la dermatite allergica alle pulci, l’allergia alimentare e la sindrome atopica felina.
Ad eccezione della prima che presenta una distribuzione delle lesioni peculiare, sulle aree della testa con pelo rarefatto, le altre tre non possono essere distinte clinicamente. Tutte si manifestano attraverso uno o più patterns dermatologici aspecifici: il prurito della testa e del collo, la dermatite miliare, l’alopecia autoindotta e il complesso del granuloma eosinofilico. Questi patterns non costituiscono una diagnosi finale ma rappresentano solo una manifestazione di reattività cutanea frequentemente riscontrata in corso di ipersensibilità. La presenza di sintomi non dermatologici, potrebbe orientare il clinico nell’iter diagnostico. Ad esempio la presenza di asma felino in un paziente con dermatite allergica potrebbe indirizzare verso una diagnosi di sindrome atopica, mentre la presenza di segni gastrointestinali verso una diagnosi di allergia alimentare.
Tuttavia queste manifestazioni extra- cutanee non sono sempre presenti. Inoltre le diverse ipersensibilità possono coesistere nel medesimo paziente. Per identificare la malattia allergica sottostante è sempre necessario un accurato iter diagnostico in modo da escludere le principali differenziali, includendo le principali malattie parassitarie ed infettive.

Additional Info

  • Authors: Matricoti I.
  • Authors note: Irina Matricoti Med Vet, Dipl ECVD Servizi Dermatologici Veterinari Bologna
  • Year: 2021
  • Reference: Veterinaria Year 35, n. 6, December 2021
  • Pages: 269 - 278
Read 121 times