VETERINARIA | December 2017

Cover 6 Dicembre 2017

Year 31, n. 6, December 2017

Edited by: Federico Fracassi
Med Vet, PhD, Dipl ECVIM-CA

ISSN: 0394 - 3151

 

EDITORIALE - La fluidoterapia nei piccoli animali in corso di malattia critica: una strategia sensibile al contesto

La fluidoterapia endovenosa gioca un ruolo fondamentale nella gestione dei pazienti ospedalizzati, sia in medicina umana che in medicina veterinaria.1,2 Mentre un utilizzo corretto dei fluidi può essere determinante nel salvare la vita del paziente, la letteratura più recente dimostra come la fluidoterapia non sia scevra da rischi e come le sue complicazioni siano potenzialmente deleterie anche nel paziente veterinario.3,4,5 Tuttavia, ad oggi, non esiste ancora un consenso sulla strategia ottimale di fluidoterapia (es., tipo di fluidi, volume, tempo di somministrazione) da utilizzare in diverse condizioni critiche, tra cui: l’utilizzo degli amidi sintetici (Hydroxyethyl starch, HES) nel periodo perioperatorio in pazienti a rischio durante interventi di chirurgia maggiore; la rianimazione precoce con ipotensione permissiva del paziente politraumatizzato; il beneficio della rianimazione del paziente settico mediante boli di fluidi secondo la early goal-directed therapy.1 Le recenti scoperte sulla fisiologia dell’endotelio vascolare e sulla dinamica dei fluidi corporei in corso di malattia critica hanno consentito di stimare e prevedere meglio le necessità e la risposta del paziente alla somministrazione di fluidi. Questo ha portato a definire una strategia di fluidoterapia sensibile al contesto clinico (contex-sensitive), mirata alle esigenze specifiche del singolo paziente in base alle diverse fasi della malattia critica.1,3,6 Queste ultime sono state distinte sulla base delle diverse fasi d’intervento rianimatorio in: fase di riperfusione (ulteriormente suddivisibile in fase di salvataggio e fase di ottimizzazione della perfusione tissutale); fase di stabilizzazione/mantenimento; fase di guarigione o de-escalation.7,8 La prima fase di salvataggio è volta ad ottenere, mediante boli di fluidi, una pressione arteriosa accettabile e compatibile con la vita del paziente e si associa alla valutazione di parametri (clinici, clinico-patologici ed emodinamici) vicini al paziente, cosiddetti “bedside”. La fase successiva di ottimizzazione corrisponde normalmente ad uno stato di shock compensato in cui l’obiettivo è provvedere un’adeguata disponibilità di ossigeno tissutale, e di verificare se il paziente sia fluido-responsivo, valutando la risposta alla somministrazione di piccoli boli di fluidi (fluid challenge) mediante indicatori clinici, emodinamici e metabolici. La terza fase di stabilizzazione/mantenimento si associa di solito ad un quadro emodinamico stabile, in cui l’obiettivo è prevenire la disfunzione d’organo minimizzando le complicazioni legate alla fluidoterapia mediante un’appropriata valutazione del bilancio idrico del paziente. Infine, la quarta fase può rappresentare l’inizio della guarigione, in cui cominciare a svezzare il paziente dalla fluidoterapia (de-escalation). In caso di sovraccarico di fluidi nelle fasi precedenti e/o persistenza dell’insulto flogistico, in questa fase può essere opportuno rimuovere i fluidi in eccesso, potenzialmente tossici, mediante l’utilizzo di diuretici o tecniche di ultrafiltrazione.6-8 La continuità delle condizioni cliniche sopradescritte non è sempre lineare in corso di malattia critica e richiede pertanto una frequente e metodica rivalutazione del paziente. In questo contesto la fluidoterapia deve essere soggetta alle stesse prescrizioni che riguardano i farmaci, tenendo quindi in considerazione le indicazioni d’uso, il dosaggio, gli effetti collaterali e i potenziali effetti avversi. In particolare, anche in medicina veterinaria l’utilizzo dei colloidi sintetici (HES) nel paziente critico è piuttosto controverso, come analogamente l’impiego di prodotti a base di albumina umana, ed il loro impiego dovrebbe essere ponderato attentamente sul rapporto rischi/benefici.9-15 I temi appena introdotti potranno essere approfonditi dal lettore tramite i due articoli di revisione della letteratura intitolati “Bilancio idrico e fluidoterapia nel paziente veterinario critico” e suddivisi in due parti. La prima parte, dal titolo “Fisiopatologia e monitoraggio del bilancio idrico”, curata dal sottoscritto e dalla Dr.ssa Roberta Troìa, riassume le più recenti scoperte inerenti le funzioni del glicocalice endoteliale e le loro ripercussioni sulle strategie di terapia fluida e monitoraggio del paziente critico. Nella seconda parte, intitolata “Fluidoterapia: quali e quanti fluidi somministrare”, il Dr. Antonio Borrelli e la Dr.ssa Barbara Bruno daranno al lettore le informazioni più aggiornate su quali fluidi scegliere e come somministrarli in maniera sicura in corso di malattia critica. Il lettore potrà quindi ulteriormente approfondire gli argomenti trattati consultando la bibliografia a corredo dei due articoli.

BIBLIOGRAFIA
1. Tatara T. Context-sensitive fluid therapy in critical illness. Journal of Intensive Care, 4:20, 2016.
2. Boller E, Boller M. Assessment of fluid balance and the approach to fluid therapy in the perioperative patient. Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice 45:895-915, 2015.
3. Edwards MR, Mythen MG. Fluid therapy in critical illness. Extreme Physiology and Medicine 3:16, 2014.
4. Cavanagh AA, Sullivan LA, Hansen BD. Retrospective evaluation of fluid overload and relationship to outcome in critically ill dogs. Journal of Veterinary Emergency and Critical Care 26:578-586, 2016
5. Ostroski CJ, Drobatz KJ, Reineke EL. Retrospective evaluation of and risk factors analysis for presumed fluid overload in cats with urethral obstruction: 11 cases (2002-2012). Journal of Veterinary Emergency and Critical Care 0:1-8, 2017.
6. Hoste EA, Maitland K, Brudney CS et al. Four phases of intravenous fluid therapy: a conceptual model. British Journal of Anaesthesia 113: 740-747, 2014.
7. Cordemans C, De Laet I, Van Regenmortel N et al. Fluid management in critically ill patients: the role of extravascular lung water, abdominal hypertension, capillary leak, and fluid balance. Annals of Intensive Care 2:S1, 2012.
8. Vincent JL, De Backer D. Circulatory Shock. The New England Journal of Medicine 369: 1726-1734, 2013.
9. Adamik KN, Yozova ID, Regenscheit N. Controversies in the use of hydroxyethyl starch solutions in small animal emergency and critical care. Journal of Veterinary Emergency and Critical Care (San Antonio) 25:20-47, 2015.
10. Sigrist NE, Kälin N, Dreyfus A. Changes in serum creatinine concentration and acute kidney injury (AKI) grade in dogs treated with hydroxyethyl starch 130/0.4 from 2013 to 2015. Journal of Veterinary Internal Medicine 31:434-441, 2017.
11. Yozova ID, Howard J, Adamik KN. Retrospective evaluation of the effects of administration of tetrastarch (hydroxyethyl starch 130/0.4) on plasma creatinine concentration in dogs (2010-2013): 201 dogs. Journal of Veterinary Emergency and Critical Care (San Antonio) 26:568-77, 2016.
12. Hayes G, Benedicenti L, Mathews K. Retrospective cohort study on the incidence of acute kidney injury and death following hydroxyethyl starch (HES 10% 250/0.5/5:1) administration in dogs (2007-2010). Journal of Veterinary Emergency and Critical Care (San Antonio) 26:35-40, 2016.
13. Viganò F, Perissinotto L, Bosco V. Administration of 5% human serum albumin in critically ill small animal patients with hypoalbuminemia: 418 dogs and 170 cats (1994-2008). Journal of Veterinary Emergency and Critical Care (San Antonio) 20:237-243, 2010.
14. Trow AV, Rozanski EA, deLaforcade AM et al. Evaluation of use of human albumin in critically ill dogs: 73 cases (2003-2006). Journal of the American Veterinary Medical Association 233:607-612, 2008.
15. Martin LG, Luther TY, Alperin DC et al. Serum antibodies against human albumin in critically ill and healthy dogs. Journal of American Veterinary Medical Association 232:1004-1009, 2008.

Additional Info

  • Authors: Giunti M.
  • Authors note: Massimo Giunti - Med Vet, PhD Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie Alma Mater Studiorum, Università di Bologna Via Tolara di Sopra, 50 40064 Ozzano dell’Emilia (BO) Italia
  • Year: 2017
  • Reference: Veterinaria Year 31, n. 6, December 2017
  • Pages: 291 - 292
Download attachments:
  • pdf PDF (24 Downloads)
Read 36 times
« January 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
Use of cookies: to ensure functionality and navigation preferences This site uses cookies owners, in order to enhance the experience of its members, and reserves the use of third-party cookies to improve our services. For more information and to receive any instructions on the use of cookies please read our extended, pressing the End key accept the use of cookies.