La variante GLU-426 del parvovirus del cane tipo 2 (CPV-2) Å diffusa in Italia

Nel 2000 in Puglia Å stata identificata una nuova variante del parvovirus del cane (CPV-2) che differisce dal tipo antigenico 2b di CPV per una singola mutazione in un importante aminoacido, Asp-426 ? Glu. Per questa ragione la variante Å stata etichettata Glu-426. Lo scopo del lavoro Å stato quello di valutare la diffusione della variante Glu -426 di CPV-2 in diverse parti di Italia. Sono stati esaminati i virus isolati nel periodo 2001-2002 nonchÄ virus isolati prima del 2000. L'analisi retrospettiva degli stipiti raccolti prima del 2000 ha messo in evidenza che la variante Glu-426 non era presente in Italia prima della sua iniziale identificazione. L'analisi degli stipiti isolati nel 2001-2002 ha evidenziato che CPV-2a Å la variante antigenica pi¥ diffusa in Italia. Tre stipiti Glu-426 sono stati identificati nel 2001 e 9 nel 2002, mentre sono stati identificati 3 stipiti CPV-2b nel 2001 e 3 nel 2002. Questi risultati indicano che la mutazione nel residuo 426, in un epitopo immunodominante di CPV, ha fornito al virus mutante un sostanziale vantaggio evolutivo, rendendolo capace di sfuggire con efficacia alla pressione immunitaria esistente nella popolazione canina e favorendone la rapida diffusione.

Additional Info

  • Authors: Cavalli A., Martella V., Decaro N., Elia G., Desario C., Narcisi D., Campolo M., Buonavoglia C.
  • Authors note: 1Dipartimento di Salute e Benessere Animale, UniversitÉ_ di Bari
  • Year: 2005
  • Reference: Veterinaria, Anno 19, n. 1, Febbraio 2005
  • Pages: 29 - 33
Download attachments:
  • pdf PDF (1033 Downloads)
Read 1175 times

Advanced Search