Eziopatogenesi del dolore oncologico negli animali da compagnia

Nell'uomo, il dolore Å un sintomo che frequentemente accompagna le patologie oncologiche. Data la similitudine tra uomo e animali nei percorsi neurofisiologici e nei meccanismi patogenetici alla base dell'insorgenza del dolore, Å verosimile ipotizzare che anche i pazienti veterinari affetti da neoplasie provino dolore. Il dolore oncologico deriva generalmente dall'invasione e dal conseguente danno a carico dei tessuti somatici, viscerali e nervosi da parte della massa tumorale e dalla reazione infiammatoria che ne consegue, ma puÿ anche essere secondario alle terapie antineoplastiche o alle comuni procedure diagnostiche. Gli eventi fondamentali che concorrono alla genesi del dolore oncologico sono estremamente vari, e possono essere cosô riassunti: 1) rilascio di mediatori pro-infiammatori da parte delle cellule ematopoietiche, immunitarie e tumorali, che attivando le vie algogene possono determinare sensibilizzazione periferica e centrale; 2) instaurarsi di fenomeni apoptotici e aumento dell'attivitê degli osteoclasti (in caso di tumori ossei), che comportano abbassamento del pH e conseguente attivazione di nocicettori; 3) danno tissutale e conseguente rilascio di fattori di crescita, che contribuiscono all'attivazione delle fibre afferenti primarie; 4) crescita tumorale, che determina infiltrazione di tessut i somatici e viscerali e compressione di terminali nervosi afferenti. La conoscenza dell'eziopatogenesi del dolore Å indispensabile per un corretto approccio diagnostico e per poter scegliere dei protocolli antalgici appropriati da adottare via via che la patologia e il dolore ad essa connesso progrediscono.

Additional Info

  • Authors: G. della Rocca, A. Di Salvo, A. Catanzaro, L. Mechell
  • Year: 2012
  • Reference: Veterinaria, Anno 26, n. 6, Dicembre 2012
  • Pages: 9 - 13
Download attachments:
  • pdf PDF (1809 Downloads)
Read 2242 times

Advanced Search