Modificazioni comportamentali del gatto dopo l'intervento di gonadectomia

Introduzione - La gonadectomia del gatto rappresenta l'intervento chirurgico pi¥ diffuso nella quotidianitê della pratica ambulatoriale veterinaria, spesso suggerita anche come soluzione a problemi comportamentali quali lo sporcare fuori dalla cassetta o l'aggressivitê. Lo scopo del presente lavoro Å stato quello di valutare l'effetto di tale intervento sul comportamento in un gruppo di soggetti non raggruppati per patologie del comportamento. Materiali e metodi - Sono stati inseriti nello studio 40 gatti, reclutati al momento della visita clinica pre-gonadectomia, monitorati con l'ausilio di un questionario pre-intervento e di uno postintervento, somministrato ai proprietari ad intervalli prestabiliti (10, 30, 90, 180 e 270 giorni) nei nove mesi successivi alla gonadectomia. La tecnica chirurgica utilizzata per gli interventi dei soggetti dello studio concorda con le principali metodiche attualmente in uso. Risultati - Il presente studio ha messo in evidenza un significativo aumento dell'appetito e della velocitê di ingestione nei soggetti presi in esame. Altri comportamenti come l'esplorazione e il gioco non hanno subito invece alcun cambiamento. Anche se solo il 20% dei gatti che abbiamo preso in esame manifestava problemi di eliminazione inappropriata, questo comportamento si Å significativamente ridotto dopo la gonadectomia. Discussione - I risultati di questo studio pilota devono essere considerati con cautela, tuttavia si evidenzia che, mentre da una parte l'intervento di gonadectomia potrebbe innalzare il rischio di obesitê, dall'altra potrebbe ridurre significativamente i comportamenti di eliminazione inappropriata. Saranno necessari ulteriori studi per comprendere meglio quali modificazioni possano essere evidenziate nei gatti sottoposti a gonadectomia.

Additional Info

  • Authors: Palestrini C. et al.
  • Authors note: Dipartimento di Scienze Veterinarie e Sanità Pubblica (DIVET) Università degli Studi di Milano, Via Celoria 10, 20133 Milano, Italy INTRODUZIONE La gonadectomia del gatto rappresenta l’intervento chirurgico più dif- fuso nella quotidianità della pratica ambulatoriale veterinaria. Spesso i pro- prietari sono timorosi e preoccupati dell’effetto che l’intervento chirur- gico potrebbe avere sul comportamento del proprio gatto e chiedono, al loro Medico Veterinario curante, chiarezza in merito. In altri casi que- sta pratica chirurgica viene suggerita proprio dal Medico Veterinario per cercare di risolvere dei problemi comportamentali che il gatto inizia a manifestare, come ad esempio l’eliminazione inappropriata o l’aggressi- vità verso gli altri gatti. Per il veterinario è di certo più semplice descri- vere l’atto chirurgico dal punto di vista delle procedure e delle variazio- ni fisiologiche che si verificano in seguito all’asportazione delle gonadi del gatto; più difficoltosi appaiono invece la presentazione e la descrizio- ne di eventuali variazioni del repertorio comportamentale felino post- gonadectomia essendo, la letteratura scientifica su tale argomento scar- sa e frammentaria. Infatti, mentre è dimostrato che la gonadectomia ge- neralmente si rivela efficace per il trattamento della monta sessuale con la cessazione di tale comportamento in seguito all’abbassamento dei li- velli di testosterone1,2 e della marcatura urinaria sessuale, determinan- do la diminuzione o scomparsa di tale comportamento (nel 90% dei gat- ti maschi e nel 95% dei gatti femmina)3,4,5, in altri casi le informazioni ri- guardo alle modificazioni comportamentali che si possono verificare in seguito a tale intervento sono poco significative. Mentre infatti è segna- lato un aumento dell’appetito e della voracità dopo l’intervento6,7,8, non ci sono numerose altre ricerche in grado di dettagliare quali altri cam- biamenti comportamentali possano avvenire nei soggetti gonadectomiz- zati, a partire dalla diffusa credenza, non supportata da alcuna evidenza scientifica, secondo la quale i gatti castrati siano più tranquilli o addirit- tura più apatici rispetto a quelli interi. L’uso dei questionari da sottopor- re ai proprietari, come riportato in precedenti studi9, si è rivelato un me- todo valido ed efficace per ottenere informazioni nel lungo periodo. Scopo di questo studio pilota è stato quindi quello di rilevare, tramite l’utilizzo di un questionario, possibili variazioni relative al comportamen- to, dopo l’intervento di gonadectomia, dei soggetti presi in esame, con- frontando i dati ottenuti con quelli presenti in letteratura. MATERIALI E METODI Sono stati inseriti nello studio 40 gatti, 16 maschi e 24 femmine, di età compresa tra 2 mesi e 8 anni, di peso variabile tra 750 g e 5 kg e, per la maggior parte, Comuni Europei (90%). Tutti i soggetti sono stati re- clutati al momento della visita clinica pre-gonadectomia (esame clini- co e profilo ematobiochimico generale) allo scopo di escludere even- “Articolo ricevuto dal Comitato di Redazione il 13/12/12 ed accettato per la pubblica- zione dopo revisione l’08/05/13”. Gli Autori dichiarano di non aver alcun conflitto di interessi.
  • Year: 2013
  • Reference: Veterinaria, Anno 27, n. 4, Agosto 2013
  • Pages: 17 - 22
Download attachments:
  • pdf PDF (3158 Downloads)
Read 2896 times

Advanced Search