La malattia di von Willebrand nel cane. 1) Recenti acquisizioni diagnostiche

In questa prima nota sono riportate le pi¥ recenti acquisizioni sulla malattia di von Willebrand (vWD), di origine ereditaria, determinata dalla carenza dell'omonimo Fattore di von Willebrand (FvW), che induce essenzialmente un disturbo della fase primaria o vascolo-piastrinica dell'emostasi. La frequenza del gene mutato, responsabile di questa patologia, Å piuttosto elevata in diverse razze di cani ed anche nei meticci. La complessitê genica del FvW comporta la manifestazione di ben tre tipi diversi di vWD. La vWD di tipo 1 risulta essere molto frequente nella razza Dobermann Pinscher, dove, in questi ultimi anni, Å stata chiarita l'ereditarietê, che Å di tipo autosomico recessivo. Gli altri due tipi di vWD determinano una grave patologia dell'emostasi ma sono limitate a particolari razze canine. La diagnosi della vWD, si effettua dopo aver eseguito un profilo emostatico, che evidenzia un deficit della fase vasculo-piastrinica per mezzo del tempo di sanguinamento alla mucosa buccale e di un test che valuta la quantitê di FvW. Per alcune razze (Doberman, Manchester Terrier, Barbone, Pembroke Welsh Corgi, Pastore Shetland e Kooiker olandese) Å disponibile un test con tecnologia DNA che Å in grado di determinare con buona certezza soggetti sani, portatori e malati. La diagnosi sul tipo di vWD si effettua con una analisi elettroforetica multimerica.

Additional Info

  • Authors: Lubas G., Gavazza A., Caldin M., Furlanello T., Tambone C.
  • Year: 2002
  • Reference: Veterinaria 16, 2, 2002
  • Pages: 9 - 16
Download attachments:
  • pdf PDF (6444 Downloads)
Read 7654 times

Advanced Search