Virus del cimurro del cane (CDV) e globalizzazione: dall'ecosistema artico all'Italia

CDV Å un agente patogeno altamente letale che colpisce i cani ed altri mammiferi. Tra i ceppi recenti di CDV ed i vecchi ceppi usati nei vaccini si riscontra un elevato livello di variabilitê e tali differenze genetiche ed antigeniche sono considerate come una causa possibile del crescente numero di casi di cimurro nei cani. Il gene dell'emoagglutinina (H) mostra la maggiore variabilitê genetica e permette la distinzione di vari lineaggi con un pattern di distribuzione di tipo geografico ma non specie-specifico. Nel presente studio si descrive l'analisi del gene H di virus di campo identificati da cani colpiti da cimurro in Italia. L'analisi filogenetica indica l'esistenza di un gruppo omogeneo di stipiti virali, analoghi agli stipiti circolanti in Europa. Inaspettatamente, tuttavia, sono stati trovati alcuni virus (179/04 e 48/05) analoghi a stipiti CDV identificati nell'ecosistema artico (cani da slitta groenlandesi e foche siberiane) verso la fine degli anni ottanta. Il gene H di uno stipite identificato in una volpe rossa, 207/00, Å risultato alquanto diverso dai virus di tipo europeo. Questi risultati suggeriscono l'esistenza di almeno tre differenti lineaggi CDV in Italia. La presenza di stipiti CDV di tipo artico in Italia puÿ essere attribuita all'importazione di cani dai paesi dell'Europa orientale.

Additional Info

  • Authors: Martella V., Lucente M., Cirone F., Lorusso E., Elia G., Camero M., Buonavoglia C.
  • Authors note: Dipartimento di SanitÉ_ e Benessere degli Animali, FacoltÉ_ di Medicina Veterinaria, UniversitÉ_ degli Studi di Bari, Valenzano
  • Year: 2007
  • Reference: Veterinaria, Anno 21, n. 2, Aprile 2007
  • Pages: 31 - 38
Download attachments:
  • pdf PDF (1339 Downloads)
Read 862 times

Advanced Search