Terapia medica e monitoraggio terapeutico della sindrome di Cushing nel cane

La differenziazione tra ipercortisolismo ipofisario e surrenalico è essenziale per la scelta della strategia ottimale di trattamento terapeutico in corso di sindrome di Cushing. Attualmente la terapia medica d’elezione per l’ipercortisolismo è il trilostano, il quale permette il controllo della sintomatologia clinica nella maggior parte dei casi senza, tuttavia, portare ad una risoluzione della patologia. Ad oggi, la terapia con trilostano prevede principalmente due possibili metodi di monitoraggio, il test di stimolazione con ACTH e la misurazione della concentrazione del “cortisolo prepill” ciascuno dei quali presenta vantaggi e svantaggi. L’obiettivo della presente review è quello di approfondire le possibili opzioni terapeutiche oggi disponibili e quelle ancora oggetto di studio per il trattamento medico dell’ipercortisolismo spontaneo canino. Particolare attenzione verrà riservata alla terapia e al monitoraggio terapeutico del trattamento con trilostano.

Additional Info

  • Authors: 1 Golinelli S., 1 Tardo A. M., 1 Fracassi F.
  • Authors note: 1Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie, Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, Ozzano dell’Emilia, Bologna
  • Year: 2020
  • Reference: Veterinaria Year 34, n. 5, October 2020
  • Pages: 207 - 219
Read 106 times

Advanced Search

Copyright © 2015 | VETERINARIA is the Official Journal of SCIVAC
SCIVAC | Via Trecchi 20, Cremona | Ph. +39 0372 403500 | F +39 0372 457091 | www.scivac.it | info@scivac.it | VAT-ID 00861330199
Use of cookies: to ensure functionality and navigation preferences This site uses cookies owners, in order to enhance the experience of its members, and reserves the use of third-party cookies to improve our services. For more information and to receive any instructions on the use of cookies please read our extended, pressing the End key accept the use of cookies.