Effetti del benazepril nel trattamento della miocardiopatia ipertrofica del gatto. Risultati di un'indagine clinica multicentrica aperta

Obiettivi - Valutare l'efficacia del benazepril sui segni clinici e sui parametri ecocardiografici nei gatti con miocardiopatia ipertrofica primaria (HCM, hypertrophic cardiomiopathy). Presupposti - Gli ACE-inibitori hanno effetti positivi nei pazienti umani con HCM e contribuiscono a ridurre l'ipertrofia miocardica. L'aggiunta di uno di questi agenti al trattamento standard della miocardiopatia ipertrofica nel gatto puÿ risultare utile. Metodi - Nel corso di un'indagine clinica aperta durata un anno e condotta presso 5 centri in Svizzera sono stati esaminati in totale 32 gatti con insufficienza cardiaca congestizia asintomatica o stabilizzata (di classe Ib, II o IIIa) secondo la classifica-zione ISACHC). Di questi gatti, 28 sono stati assegnati a uno dei seguenti due gruppi di trattamento: 1) sola terapia standard (ST) (n = 9), mediante somministrazione di una formulazione long-acting di diltiazem (6-9 mg/kg sid) e acido acetilsalicilico facoltativo (50 mg due volte alla settimana), oppure 2) la stessa ST pi¥ benazepril (0,33 - 0,75 mg/kg sid, n = 19). Risultati - I gatti trattati con benazepril hanno manifestato un calo statisticamente significativo (media ▒ SEM = 0,11 ▒ 0,03 mm/mese, p = 0,002) nello spessore della parete del ventricolo sinistro (LVWD) rispetto al valore basale, mentre nei gatti trattati con la sola ST non sono state osservate modificazioni (aumento di 0,02 ▒ 0,04 mm/mese, p = 0,66). Le differenze nel valore di LVWD fra i due gruppi hanno raggiunto un significato statistico (p = 0,02). I gatti trattati con benazepril hanno dimostrato un maggior miglioramento dei segni clinici (20-53%) rispetto a quelli trattati con la sola ST (0-20%), ma le differenze fra i due gruppi non sono state statisticamente significative (p > 0,1). Non sono state osservate fra i due gruppi differenze di spessore del setto interventricolare (IVSD) o del rapporto fra atrio sinistro e radice dell'aorta (LA/Ao). Conclusioni - Il benazepril ha determinato alcuni effetti positivi sui segni clinici e sul rimodellamento cardiaco nei gatti con HCM ed Å stato ben tollerato. Questi risultati, tuttavia, dovranno essere confermati attraverso altri studi controllati.

Additional Info

  • Authors: C.N. Amberger, O. Glardon, T. Glaus, A. Horauf, J.N. King, H. Schmidli, L. Schroter, C.W. Lombard
  • Authors note: Swiss group of Cardiology, Prof. C.W. Lombard, Klinik fÉ_r kleine Haustiere, LÉ_nggass-strasse 128, CH-3012 Bern, Switzerland, Novartis Animal Health Inc, CH-4002, Basel, Switzerland
  • Year: 2000
  • Reference: Veterinaria n.2 Supplemento Ottobre 2000
  • Pages: 75 - 85
Download attachments:
  • pdf PDF (3250 Downloads)
Read 3740 times
« July 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
Use of cookies: to ensure functionality and navigation preferences This site uses cookies owners, in order to enhance the experience of its members, and reserves the use of third-party cookies to improve our services. For more information and to receive any instructions on the use of cookies please read our extended, pressing the End key accept the use of cookies.