CORNER DIAGNOSTICO - Oncologia

Un cane meticcio, maschio intero, di undici anni, era condotto a visita per una tumefazione a carico del tarso destro. La neoformazione era apparsa per la prima volta tre anni prima a livello mediale e negli ultimi dieci giorni era aumentata rapidamente di volume circonferenzialmente a livello della regione del garretto. Un primo esame citologico della neoformazione risultava conclusivo per sospetta neoplasia mesenchimale maligna e si proponeva pertanto l’amputazione dell’arto posteriore destro. L’esame obiettivo generale era normale, quello obiettivo particolare dell’articolazione tibio-tarsica destra evidenziava tumefazione circonferenziale di consistenza molle-elastica, non calda, non dolente e in nessun modo limitante la deambulazione. In particolare, alla compressione del comparto mediale si notava aumento di volume del comparto laterale e viceversa. Il linfonodo popliteo destro appariva aumentato di volume. Si ripeteva ago-aspirato (FNA) della tumefazione tarsale, sia a livello mediale sia laterale (Fig. 1); veniva inoltre agoaspirato anche il linfonodo popliteo destro.
Quale è la tua interpretazione?
Come procederesti?

Additional Info

  • Authors: Aralla M., Zeira O., Benali S. L.
  • Authors note: Marina Aralla, Med Vet, PhD Ospedale Veterinario San Michele, Tavazzano con Villavesco (LO) | Offer Zeira, Med Vet, PhD Ospedale Veterinario San Michele, Tavazzano con Villavesco (LO) | Silvia L. Benali, Med Vet, PhD, Dipl ECVP - Laboratorio La Vallonea, Rho (MI)
  • Year: 2018
  • Reference: Veterinaria Year 32, n. 1, February 2018
  • Pages: 51 - 53
Download attachments:
  • pdf PDF (1026 Downloads)
Read 1310 times

Advanced Search